2020 Cheltenham Festival, Giorno 1

Aggiornato il: 14 mar 2020

Martedì 10 Marzo, Champion Day.


(Le quote indicate sono le migliori disponibili sul mercato nel momento della selezione, un buon riferimento in più dal confronto col mercato del giorno: ante-post vs ring).


1.30, Sky Bet Supreme Novices' Hurdle (Grade 1, 4yo+, 2m½f)

Strike Rate Favorito: 2/10


Prima corsa dell'intero Cheltenham Festival e primo impegno d'élite per i saltatori bassi, in questo caso 'velocisti'. Trampolino di lancio di importanti soggetti del passato, tra i quali Arkle (che presta il suo nome alla corsa successiva), L'Escargot, autore del doppio Gold Cup-Grand National e Altior, doppio vincitore di Champion Chase, atteso al triplo successo e reduce da un recupero lampo a seguito di una zoppia scoperta Domenica mattina che ne ha messa in dubbio la partecipazione. Shock sfiorato per la punta ante-post e corsa contro il tempo (riuscita?!) per 'l'elegantone'.


Splendido Supreme, dove i primi cinque sul mercato possono ambire al successo. Splendida apertura, nonostante le bizze prolungate di Gordon Elliott con Envoi Allen, la cui presenza avrebbe fatto saltare i taccuini di Gran Bretagna, d'Irlanda e del sottoscritto. Alla fine la scelta di optare sul doppio miglio e mezzo del Ballymore Novices' Hurdle, restando così su quello che considero il suo obiettivo naturale visto ciò che ha mostrato in stagione (anche se sarebbe stato temibile - e favorito - pure in questo caso, impegno più idoneo in caso di terreno pesante).


Shishkin, il favorito del mercato. Si presenta con 'passeggiate' che lo hanno visto crescere costantemente: vittorie, però, da convertire non soltanto sulla collina, dove non ha mai corso, ma anche sotto pressione, situazione che al momento non conosce. In queste condizioni (e 11/4f) non amo sostenere un favorito perciò aprirò il mio Cheltenham Festival subito in sovraesposizione.


La forma irlandese e graduata è rappresentata, nell'ordine, da Asterion Forlonge (autore di vittoria a Naas, considerata la più impressionante in termini di lunghezze, ben 10, per un debuttante novizio basso in una Maiden) e Abacadabras con impressione visiva (e rapporto qualità-prezzo) in favore di quest'ultimo (secondo di Envoi Allen a Fairyhouse, in Dicembre: la prestazione, per me, di riferimento per questo inseguimento). Entrambi vincitori a livello di Grado 1, hanno la statistica dalla loro parte: 9 degli ultimi 10 vincitori, infatti, avevano corso a questo livello nell'uscita precedente.


In tal senso anche la forma britannica di FiddlerOnTheRoof, mia prima scelta a 8, adesso sceso a 7, vincitore di Tolworth Novices' Hurdle a Sandown, proveniente dalla stessa corsa vinta nel 2018 da Summerville Boy prima di trionfare al Cheltenham Festival con una vittoria rocambolesca ma meritata. Il terreno Soft (previsto) è perfetto, non teme la pioggia (non prevista).


Interessante promessa della corsa, per lo stesso cortile del favorito Shishkin, e una delle diverse buone pedine di quest'anno per JP McManus (favorito netto nella corsa a miglior proprietario vincitore del Cheltenham Festival), il figlio di Yeats è già andato a segno sulla collina, nella corsa di rientro. Il suo interprete non è tra i miei 'goderecci' ma questo passa il convento e dovrò farmene una ragione (lo gradisco soltanto quando in giornata e spero sarà questo il caso!) e, ad oggi, ha dovuto fare i conti soltanto con il profilo del cavallo, dovendosi occupare non di farlo impegnare ma di farlo correre sulla retta via. Ha sempre dominato le sue uniche tre uscite, due stagionali, delle cinque totali, compresi i due inseguimenti di campagna. Ama il terreno buono così come il morbido. Contro la statistica, a questa interessante offerta di mercato, vale (forse) la mia apertura, subentrando così a FiddlerOnTheRoof.


Il cortile di McManus (recinto Irlanda) fa uscire anche Elixir D'ainay, 25/1, dopo il buon rientro (seppur stanco nel finale) di Naas, a livello di Grade 1, dietro l'attesissimo Envoi Allen (dunque linea indiretta con Abacadabras). Dopo aver allungato, nell'impegno successivo, ulteriormente fino ai 6 furlongs oltre il doppio miglio, contesto non suo, non mi stupirei vederlo ancora in quota sulla collina su questo doppio miglio. Ambizioni inalterate rispetto ad inizio stagione.


Market: ABACADABRAS, 13/2

Binocolo (Win): FIDDLERONTHEROOF, 7/1

Binocolo (EW): CHANTRY HOUSE, 8/1 (1 pt EW)


SP: 15/2

3rd (1/5), P/L: +0.60 pts



2.10, Racing Post Arkle Challenge Trophy Novices' Chase (Grade 1, 5yo+, 2m)

Strike Rate Favorito: 6/10


Corsa che consacra il saltatore 'alto' (chaser) più veloce della stagione in un inseguimento che rappresenta un feroce test di precisione del salto in velocità.


La forma irlandese direziona il mercato, rappresentando tre dei quattro più attesi: Notebook (11/4), Fakir D'oudairies (5/1) e Cash Back (13/2) in discesa, vicini sul mercato e per me anche in corsa, ma in diverso ordine.


Piaciutomi a Leopardstown quando subisce Notebook soltanto sul palo, meno esposto di quest'ultimo avendo una corsa in meno nelle gambe, è un front-runner solido ammirato anche dal suo cortile. L'impressione visiva prevale sempre sulla distanza su carta perciò, come sempre, farò prevalere la prima. La mia selezione cade su un 8 anni, età che non rientra tra quelle andate a successo negli ultimi 10 (6 e 7 le più battute). Contro la statistica ma non contro la carta. Si rinnova, infatti, il match contro il favorito Notebook, che oltre al sottoscritto ha battuto, più nettamente, anche Fakir D'oudairies, ancora per la proprietà McManus, per quello che sembra preannunciarsi come un re-match a 3, forma britannica permettendo.


Rappresentata da Brewin'upastorm (6/1). Buon novizio hurdler nella campagna scorsa, correndo bene nei due meetings più importanti, Cheltenham ed Aintree, quest'anno si converte subito alle fences senza, però, riferimenti solidi, avendo vinto negli unici due impegni della stagione ma a livello di Classi, 3 e 4. Meglio (sulla carta) la seconda uscita della prima, non mi ha allertato. Sulla collina può esser tutto o nulla (più la prima ipotesi, stando al mercato) ma il salto nel buio è fisiologico a Presbury Park, specie in queste corse: aggiungere l'incertezza della carta non fa per me. Lo lascio volentieri.


Rounge Vif (16/1) ha firmato in bello stile l'ultima vittoria, sulle fences di Warwick (che mi fanno impazzire!), cresciuto rispetto alla prima parte di stagione, complice anche intervento che ne ha modificata la respirazione, ha mostrato subito un altro passo.


Binocolo: Cash Back, 7/1 (2 pts EW)


SP: 6/1

(F), P/L: -4.00 pts



2.50, Ultima Handicap Chase (Grade 3, 5yo+, 3m 1f)

Strike rate Favorito: 1/10


Dopo i 'saltatori alti' più veloci, spazio ai secondi della classe del salotto stayers, con questa corsa che apre la lista dei 5 Handicap per chaser presenti sul libretto. Da qua si può puntare al Grand National (le corse Handicap rappresentano un circuito a parte ed anche in questa ottica Cheltenham Festival è l'esempio assoluto, per selezione ed organizzazione).

La forma britannica domina in questo inseguimento.


Inseguimento incerto ed incertezza che si va ad aggiungere a quella naturale dettata dalla formula handicap e da questo tipo di corse. In difesa, piedi piombati e taccuino ai minimi.


VINNDICATION la qualità della corsa ma rientra, dopo stagione interrotta per infortunio: unica corsa la splendida prestazione ad Ascot in Novembre, dove salì in cielo sull'ultima fence. Atteso e, soprattutto, favorito, dunque pesantemente contro la statistica. Per il cortile di Kim Bailey, che presenta un'altra forma seguita ed apprezzata in stagione.


Sulla linea di THE CONDITIONAL (9/1), terzo sul mercato e bello sfangatore che non mi convince del tutto, soprattutto in caso di terreno non pesante, spunta COGRY (offerta eccessiva!) e mi piace molto di più. Campagna 2019/'20 interamente sulla collina, correndo sempre molto bene all'età di anni 11, in linea diretta dimezza lo svantaggio di peso, recuperando 4 libbre e portando un carico mai sostenuto nella stagione (-2 libbre rispetto al peso minimo). La sua seconda uscita, nel mese di Dicembre, mi ha fruttato punti nel campionato Super Stable, essendo, quel giorno, presente nella mia selezione. Sulla quella prestazione affetto e speranza.


WHO DARES WIN sembra trovarsi a suo agio sugli alti, specie quest'anno, protagonista di alcune buone impressioni visive. Non amo i soggetti prestati al piano o viceversa, soprattutto se con tali trascorsi decidono di correre sulla collina, profanandola.


DISCORAMA, divoratore della distanza (10/1 verso l'8 'generale'), due secondi su due in collina: nel 2018 sul doppio miglio e mezzo, nel 2019 sul quadruplo miglio ultimato con lo splendido scontro tra "gladiatori", come li definì il cronista di Racing TV, vs Le Breuil. Distanza perfetta? Seguito, supportato, caricato sul mercato ante-post, con prezzo dimezzato dal 20. La scelta del mercato.


CEPAGE, 20/1 verso il 16 'generale', ha fatta una bella campagna 2019/20 e la meriterebbe. Prima volta sulla distanza, allunga di mezzo miglio, avendo, fino ad oggi, corso sempre (e bene) come intermedio, mostrando incertezza soltanto sul finale di collina.


Market: DISCORAMA, 10/1

Binocolo: VINNDICATION, 7/1f

Binocolo: COGRY, 33/1 (1 pt EW)


SP: 25/1

(PU), P/L: -2.00 pts



3.30, Unibet Champion Hurdle Challenge Trophy (Grade 1, 4yo+, 2m½f) (BANK 1)

Strike Rate Favorito: 5/10


La corsa di cartello del Giorno 1 (BANK 1) che incorona il miglior saltatore basso professionista sul tema della velocità. Tra i vincitori del passato Buveur D'Air, vincitore delle edizioni 2017 e 2018, che lo scorso, cadendo, ha mancato di diventare il sesto cavallo in grado di riuscire nell'impresa della tripla vittoria.

Annunciata dai vari salotti tecnici come un'edizione poco riuscita, Sembra che da questa edizione non uscirà il campione. Primo inseguimento di cartello, apre il Bank 4 classico e rappresenta un bel raduno delle migliori forme ammirate nella stagione, qualità eccelsa o meno a parte.


Non trovo argomenti da opporre alla favorita di questa corsa, sia per impressione visiva, sia per linea indiretta. Cresciuta dalla stagione scorsa, quando concluse ben distante il percorso del Mares' Novices' Hurdle. L'attuale campagna l'ha vista dominare nelle due uscite effettuate, nella seconda delle quali chiude una linea in modo impressionante, linea che porta all'amato e atteso (anche dal sottoscritto) Pentland Hills.


Quest'ultimo, rapido e preciso, proveniente, nel Novembre 2018, dal circuito 'flat' dove non era a suo agio, è stato lavorato da zero dal suo cortile. Ha iniziata la campagna National Hunt nel Febbraio successivo, debuttando serenamente in una Maiden a Plumpton. Con quelle credenziali si è presentato sia al Cheltenham Festival che al meeting di Aintree (selezionato in quell'occasione, a segno dopo bel match contro il McManus attuale contro-favorito di Arkle), vincendo in entrambe le occasioni ed affermandosi come migliore giovane (Juvenile). Non posso, proprio adesso, abbandonare uno dei soggetti da me più amati e seguiti in questa stagione. Mai vittorioso nei due impegni affrontati, presentandosi con fare superiore, passando gli avversari per poi 'attenderli', troppo, fino a subirli (il Champion Hurdle Trial di Haydock Park è stato il numero in tal senso, continuo a rivedere la corsa e continuo a non realizzare). Genio incompreso, genio & sregolatezza? A Cheltenham, dove ha iniziato questa stagione, sembrava un problema di condizione, ancora non massimale. Successivamente, al parco, la condizione può aver lasciato spazio ad un problema mentale. Quale dei due? Dopo quella corsa, ha subito un intervento per modificarne la respirazione. Resto fermo sull'azione, che a me piace molto. Sa correre sulla collina, sa cosa vuol dire vincere, avendo brillato ad Aintree nella campagna scorsa e dove tornerò a supportarlo, sperando, nella peggiore delle ipotesi, che possa restituirmi i cocci di Presbury Park. Attuale contro-favorito, praticamente da sempre su questo mercato, contro Epatante (4/1f, per lo stesso cortile, atteso ed annunciato migliore, soprattutto di testa): questo, forse, può essere un segnale del fatto che non si tratti di una grande edizione.


SUPASUNDAE: snervato dal vederlo correre lo Stayers' Hurdle lo scorso anno, quando finì non piazzato soltanto in quella corsa, su 6 uscite, terminando, nella altre, mai oltre il secondo posto, torna sulla sua distanza, forse un poco corta, correndo stavolta sulla minima dopo un discreto rientro, del quale è rimasta entusiasta Jessica Harrington. Il doppio miglio su terreno Soft potrebbe renderlo interessante (il condizionale, che non amo usare, purtroppo doveroso).


Verdetto: EPATANTE (Next Best e Miglior Nap per rapp. qualità/prezzo), 7/2f (2 pts Win)

Binocolo (EW): PENTLAND HILLS, 5/1 (scelta sentimentale)

Binocolo (EW) (Ire): SUPASUNDAE, 12/1


SP: 2/1f

1st, P/L: +7.00 pts



4.10, Close Brothers Hurdle (Mares' Hurdle) (Grade 1, 4yo+, 2m 4f)

Strike Rate Favorito: 6/10


Il Champion Hurdle per il gentil sesso, allungato di mezzo miglio. Inseguimento inaugurato nel 2008 e dominato da Willie Mullins: delle 12 edizioni passate, ne ha firmate 9 (di queste, 6 consecutive con Quevega).


Grossa carta anche quest'anno, con la stessa drammatica pedina dello scorso anno: Benie Des Dieux (evitato saggiamente lo Stayers' Hurdle) per Willie Mullins, paragonata brillantemente alla suddetta Quevega e ad Annie Power (anch'essa drammatica, Cheltenham Festival 2015). Troverà l'attesa Honeysuckle (15/8), qua dirottata dopo aver ballato tra questa corsa e addirittura il Champion Hurdle (vincere l'Irish Champion Hurdle non rende automatico il successo anche in collina!). Nonostante le aspettative del suo cortile ed il sostegno costante del mercato, non mi ha mai innamorato e non vedo perché dovrebbe farlo proprio adesso. Ha tutto da dimostrare (sicuramente lo farà!?) contro la buona linea Roksana-Stormy Ireland, terza e quarta sul mercato e prime due, nell'ordine, nell'edizione dello scorso anno, dopo che la strada venne loro spianata dalla caduta della predominante e suddetta Benie Des Dieux, con la seconda autrice di minaccioso cambio di passo prima di fermarsi sul finale di collina. La prima, rispetto alla seconda, ha avuto una campagna più impegnativa ma l'ultima corsa mi è piaciuta molto e la ritengo un riferimento solido. Adatta a collina e terreno Soft. Scelta sottile con la seconda (Willie Mullins di nuovo), che quest'anno ha sempre vinto comodamente e sembra avere una forma migliore dello scorso anno.


Verdetto: BENIES DES DIEUX (Nap), 8/11 (5 pts Win)

Binocoli (EW): ROKSANA, 10/1 - STORMY IRELAND, 12/1


SP: 4/6f

2nd, P/L: -5.00 pts



4.50, Northern Trust Company Novices' Handicap Chase (Listed Race (0-145), 5yo+, 2m 4f)

Strike Rate Favorito: 2/10


Corsa che, pur essendo aperta a novizi della categoria (handicap chaser), resta una formula altamente competitiva. Nell'edizione dello scorso anno, per esempio, vi erano appena 7 libbre di differenza tra il primo e l'ultimo della scala dei pesi. Il vincitore di questa corsa tende, in futuro, ad allungare la distanza fino alle 3 miglia.


Scala dei pesi schiacciata anche quest'anno, 7 libbre totali. Listed con formula Handicap (di qualità) per intermedi 'alti'.


I segnali sembrano tutti convergere verso Imperial Aura (5/1f), poco esposto, buono, preparato da quel Kim Bailey il cui cortile intriga molto in questo Cheltenham Festival. Ha già viaggiato in collina, salta in modo gigantesco l'ultima fence ma resta sul passo nel tratto finale. Bello esteticamente, non del tutto convincente: ho altro per la testa.


Hold The Note, preparato da Mick Channon, vincitore di questa corsa nel 2018, ha linea con un altro Kim Bailey (Two For Gold, uno dei miei amati di questa campagna), è tra i maggiori attori del mercato. Splendido nel viaggio e sulle selettive fences di Warwick, esce sconfitto dopo bel testa-testa: la meritavano entrambi. Porto, avanti questa linea con vero piacere, sperando di prolungarla. +7 libbre da quell'impegno, qua si declassa e accorcia di mezzo miglio, potrebbe stargli su misura. Nel descrivere questa mia selezione non riuscivo più a fermare la 'penna' dall'entusiasmo provato nel rivedere la sua ultima uscita. Per gratificare tale entusiasmo, aggiungo un punto al mio investimento, trasformandolo, paradossalmente, quasi nel più atteso della giornata: sentimento su tutto, prima di tutto.


Annoto con piacere Espoir De Guye (12/1), in costante crescita con limiti da definire. Chiacchierato come chaser promettente, impressionante nell'ultima uscita ad Ascot, su un percorso che, però, non offre molte garanzie di veridicità; a ciò si aggiunge la carta, non caratterizzata da ulteriori elementi. Mai stato sotto pressione, in questo inseguimento incontra azioni più rodate perciò sarà molto bello vederlo all'opera. Sulla collina può esser tutto e nulla ma con crescita costante, accumulando lunghezze, non era possibile lasciarlo in bianco.


Binocolo: Hold The Note, 8/1 (2 pt EW) (1/4)


SP: 10/1

3rd, P/L: +2.00 pts


5.30, National Hunt Challenge Cup Amateur Riders' Novices' Chase (Grade 2, 5yo+, 3m 6f)

Strike Rate Favorito: 3/10


Corsa che chiude il primo lungo giorno del Cheltenham Festival. Conosciuta anche come "National Hunt Chase", per la prima volta quest'anno si svilupperà su distanza inferiore, accorciata di mezzo miglio rispetto all'inseguimento avuto fino al 2019. Decisione presa dopo che, lo scorso anno, soltanto in 4 su 18 sono riusciti a terminare il percorso. Distanza del triplo miglio e mezzo allungato per amatori.


Non è semplicemente un Grado 2, qua la difficoltà è estrema e sale col salire della distanza. Miglia e miglia da percorrere, soggetti spesso poco esposti ed un favorito netto in lavagna, di fronte a statistica tendente all'impietoso.


Carefully Selected (7/4) sembra imbattibile, sulla carta e nella pratica. A me incuriosisce il cresciuto del cortile Kim Bailey, che, appena salito nei salotti graduati, ha espresso una discreta qualità al primo e unico tentativo. Atteso come futuro inseguitore da 4 miglia, è un binocolo curioso ma la curiosità non è scommessa. Su linea indiretta, e tra i seguiti del mercato, vi è Springfield Fox (9/1), che però sta correndo tutti i mesi, dal mese di Novembre, aspetto non di mio gusto. Il consiglio e l'augurio? Di arrivare qua in profitto, per un tentativo nella seguente direzione.


Lord Du Mesnil, 6/1 in graduale discesa dal 7, proviene da una intera campagna 2019/'20 meravigliosa: sei uscite, tre primi e tre secondi, su terreno Soft e Heavy. Contro-favorito, divora la distanza. Ultima uscita rappresentata dal Grand National Trial ad Haydock Park, biglietto da visita decisamente scomodo (per gli altri e per il sottoscritto).


Binocolo: Netwide, 10/1 (1 pt EW)


SP: 12/1

6th, P/L: -2.00 pts



Totale Punti investiti: 21 (Average: 3 pts)

Totale P/L: -3.40 pts

95 visualizzazioni0 commenti