Ascot & Haydock Park

Aggiornato il: gen 23

Sabato 23 Gennaio 2021.


La mia scuderia di oggi si divide tra Haydock Park (4 selezioni) & Ascot (3 selezioni), + 2 "note di richiamo in doppio verde".

La giornata in sintesi: inseguimenti tutti da gustare, con incognite e conferme da svelare ma scarse tentazioni da accettare.

Apertura di giornata ad Haydock Park, un tracciato che amo molto per l'infinita retta d’arrivo (Paisley Park firmò qua il suo biglietto da visita al grande pubblico e l’inizio della scalata verso il salotto buono nella stagione 2018/’19, quando uscì dal noviziato) e per le fences che rendono il salto meno armonico ma molto selettivo (accolgono infatti il Betfair Chase, la prima tappa della Chase Triple Crown e, secondo un’interessante teoria, apertura ufficiale della Jumps Season).

Un tracciato che Giovedì mattina ha compiuto ciò che è stato definito un ‘piccolo miracolo’, avendo superata l’ispezione per gli abbondanti rovesci (con nevischio) che hanno insistito sul percorso. Haydock Park ha già vissuto l’annullamento della riunione il giorno 30 Dicembre ed i 93 mm di pioggia caduti tra lunedì e mercoledì avevano portato a temere il peggio, che sembra adesso scongiurato in merito a potenziali allagamenti nelle zone più sensibili ma non in ottica gelo, in arrivo questa sera e motivo di nuova e precauzionale ispezione domani mattina. C’è ottimismo e si dovrebbe correre sul classico sfibrante ‘heavy’ di Haydock Park.


Mercato in fase di assestamento e queste le quote apprezzate, in ordine di uscita con proiezioni aggiornate al Cheltenham Festival.



12.55 Haydock Park - Read Nicky Henderson's Unibet Blog Novices' Chase

(Registered The Altcar Novices' Chase)

(Grade 2, 5yo+, 2m4f)

"Allart vs Silver Hallmark: trama FiddlerOnTheRoof."


La mia impressione a caldo, dal Timeform: “Attenuante gigantesca data dal debutto sugli alti, non pulitissimo l’inseguimento dimostrando di essere ancora verde ma certamente superiore a questi: una superiorità che diventa netta all’ultima, quando passa comodamente, con altra gamba.”

Rivedendo la corsa a distanza di tempo, mi sento di aggiornare in tal modo tale nota: inseguimento d’apertura nel quale Allart, quinto a lunghezze nel Supreme, è chiamato a migliorare l’impressione del debutto sugli alti: non ottima durante il percorso, più interessante nell’avvicinare l’ultima fence e ancora poco convincente quando passa il noto e rodato FiddlerOnTheRoof.


A quest’ultimo è collegato il grigio e contro-favorito Silver Hallmark, poco esposto (solo 4 uscite in carriera), notevolmente migliorato nel passaggio da hurdler a chaser, complice forse anche la maggior distanza affrontata. Rientrato discretamente sul tracciato poco selettivo di Exeter, ha subito FiddlerOnTheRoof sul palo dopo averlo messo con coraggio sotto pressione e atterrando assieme a lui dalle ultime due fences: un anno fa di questi tempi, in versione hurdler, lo subiva a Sandow Park per 77 lunghezze (in quell’occasione scrissi sul mio Timeform che il salto di categoria era massimo ma che non mi sarei mai aspettato che perdesse così nettamente: ciò testimonia come già mi avesse dato dimostrazione di mezzi interessanti).

Sarà un pomeriggio alle corse in cui le quote corte domineranno il mercato, essendo difficile vedere oltre i vari favoriti o contro-tali, e questa prima corsa apre e conferma tale tema.


Mercato:

8/13 Allart l’attuale e unica offerta, non da aggredire;

10/3 Silver Hallamark sicuramente più appetibile ma parziale atto di fede (cartuccia già presente nel pomeriggio che, se proprio deve essere sparata, ritengo preferibile non farlo qua).


Corsa che prepara al Cheltenham Festival portando al Marsh Novices’ Chase, per il quale Allart è offerto a 14/1 (terzo favorito, tagliato dal 40/1).


Selezione: Allart



1.15 Ascot - Matchbook Betting Podcast Mares' Hurdle (Grade 2) (Registered As The Warfield) (Grade 2, 4yo+, 2m7½f)

“Premio di consolazione (Roksana) vs Magic Of Light.”

(Primo rapporto del giorno con l’uscita n.1 di sologaloppo/National Hunt del 18 Gennaio 2020)


Impressionante al rientro e reduce da un ottimo terzo posto di Long Walk Hurdle contro i primi della classe, sezione Stayers (e/w di quella corsa, 2 lunghezze circa da Paisley Park/Thyme Hill, dominatori del mercato ante-post per lo Stayers Hurdle), tale ultima circostanza rappresenta il mio identico biglietto da visita col quale, nell’edizione dello scorso anno, mi schierai contro l’irlandese Magic Of Light. A differenza di quella volta, stavolta schiero una pedina decisamente più affascinante, pesante, qualitativa, con la quale mi aspetto di fare un’ottima gara fiducioso sul fatto che l’ipotetico impegno ravvicinato sarà compensato dalla poca esposizione in stagione: sarà infatti questa la sua terza uscita. Quota corta sul mercato, con un 4/5 che può esser corteggiato. Ha doppia iscrizione al Cheltenham Festival: 14/1 Mares’ Hurdle, invitante e 16/1 Stayers Hurdle, ambizioso ma che sembra essere l’opzione più probabile.


Magic of Light: come nella stagione scorsa, anche in questa campagna decide di passare da questo inseguimento per accedere al Grand National (25/1 l’attuale miglior offerta), dove si piazzò al secondo posto nel 2019 battuta 3 lunghezze scarse da Tiger Roll dopo aver perso coordinazione all’ultimo salto. Non ama i terreni troppo lavorati e, a differenza della collega favorita, proviene da campagna decisamente più serena, avendo vinto in canter in entrambe le uscite. Annunciata in condizioni migliori rispetto allo scorso anno, sembra poter essere in grado di dare un’altra vera corsa a quest’ultima.


Selezione: Roksana

1.30 Haydock Park - Sky Bet Supreme Trial Rossington Main Novices' Hurdle

(Grade 2, 4yo+, 1m7½f)

Llandinabo Lad vs Minella Drama: il ritorno?


Si presenta nuovamente da favorito, provando nuovamente a vincere un trial di Grado 2 (anche se non ad Ascot) preparatorio al Supreme, corsa di apertura del Cheltenham Festival, dopo avermi regalata una bella soddisfazione - perdendo - in occasione della sua ultima uscita, da My Drogo, affascinante allievo dei fratelli Skelton, proiettato a Cheltenham attraverso due iscrizioni (20/1 Supreme, 25/1 Ballymore).


In questo caso spero possa ottenere la meritata vittoria essendo stato autore di ottima prestazione nella situazione sopra citata e cercherà di farlo ritrovando il contro-favorito Minella Drama, reduce da una stagione sicuramente meno impegnativa (ecco il punto chiave) e la freschezza, a questo punto del percorso, può diventare un fattore non trascurabile. Un aspetto che rende ulteriormente attraente questa sfida è il gioco di libbre: in occasione dello scontro diretto Minella Drama correva con 5 libbre in più, adesso le stesse 5 libbre saranno in meno. Ho visto più volte quello scontro diretto arrivando alla stessa conclusione: l’unica possibilità per batterlo è sperare che non abbia ben smaltita la sua ultima corsa. Che vale l’attuale offerta, magari catturando un bel 2/1 (sarebbe quota perfetta e SP ottenuta contro My Drogo).


Selezione: Llandinabo Lad



Nota di richiamo 1

1.50 Ascot - Operato in ottobre alle vie respiratorie, sarà interessante ammirare il ritorno in stagione (ed in hurdle) attraverso una categoria che, a differenza del peso, risulta certamente alla sua portata. Fiducia da parte del cortile, monta compresa (Daryl Jacob, tra i miei preferiti come i colori che indosserà), che considera questa corsa un ottimo punto di partenza per proseguire la stagione sulle fences. Corteggiato dal mercato. Janika 7/1


Nota di richiamo 2

2.10 Taunton - Nel centrale di giornata sulle selettive fences di Taunton (ispezione permettendo) allungherà la gittata. Pulito e aggressivo al salto, sarà curioso vederlo nella nuova versione, con discarico di 7 libbre dalla sua ultima discreta uscita. If The Cap Fits 11/4



2.40 Haydock Park - Peter Marsh Handicap Chase (A Limited Handicap) (Grade 2, 5yo+, 3m1½f)

“Entusiasmo per la forma esibita, meno per la quota offerta.”


Handicap Limitato aperto, da gustare per la presenza di Royale Pagaille (scala alta), prospetto interessante avente pure iscrizione alla Cheltenham Gold Cup.

Scrivevo sul mio Timeform in data 27 Dicembre, subito dopo la sua ultima corsa: “Bel motore in questa selettiva Cl.2, con un primo giro molto tirato. Di mezzi? Affascinante importato francese che, dopo un approccio su terra britannica all'inizio 2020, ha mostrata enorme crescita in questa categoria aperta, lasciando il noviziato con libbre. Da seguire in prospettiva.”

Bella prestazione rispetto alla corsa di rientro, allungando fino alle 3 miglia con 7 libbre in più trasportate.

Acquistato da Venetia Williams per i Signori Ricci al prezzo €70.000, ha impiegato un poco di tempo per svegliarsi e mostrare i propri mezzi, non riuscendo a gestire, nelle stagione passata, rispettivamente una Cl.3 ed una Cl.4. Altro passo in questa stagione, è atteso dal suo cortile e dal mercato ad una netta conferma, in seguito alla quale verrano definiti i nuovi piani d’attacco. La sua offerta in questa corsa è in costante discesa e l’attuale 9/4 tende ed esser corto e rischioso. Nessun problema riguardo alle condizioni che troverà, avendo già solcato il pesante ad Haydock: le ulteriori 3 libbre rispetto all’impegno precedente iniziano ad essere importanti.


Scala media. Scendendo di 4 libbre trovo un altro mio appuntato e potenziale soggetto degno di nota: Sam Brown.

Alla sua prima stagione fuori dal noviziato, è ben rientrato a Carlisle (altro splendido tracciato con spettacolari fences) portando bel peso e subendo 3 lunghezze dallo stimato (e deludente la settimana scorsa) Imperial Aura. Adatto al terreno pesante, allungherà di mezzo miglio con 1 libbra in meno rispetto a quell’uscita e usufruendo del discarico di 5 libbre dovute all’allievo suo odierno interprete. Anche lui poco esposto, rappresenta al momento una logica aspettativa e alternativa.


Scala bassa. La terza ed ultima allerta Timeform mi segnala Lamanver Pippin, tra i pesi bassi della scala: parametro che porta a spostarmi, a parità di libbre, sul preferibile Potters Legend, avendomi, il primo, deluso ampiamente a Chepstow (nel Trial per il locale Grand National) quando, da favorito, non è mai stato nel ritmo (presenza/assenza in marcia sembra essere una sua caratteristica, con la differenza che a Cheltenham si allungò fino all’arrivo mentre in Galles è rimasto sulle gambe). Il secondo invece, anch’esso da favorito, ha deluso nella sua ultima uscita sul pesante di Sandown Park ma correrà con discarico, portando un peso mai portato in stagione che lo ha visto finire davanti all’irlandese Court Maid a Cheltenham: ecco l’appiglio per selezionarlo.


Ho provato a coprire l’intera scala con ciò che ritengo da segnalare anche e soprattutto in prospettiva, non considerando questo Handicap di Grado 2 chiuso in se stesso.

3.00 Ascot - bet365 Handicap Chase (Class 2, 5yo+, 2m5f)

“Nota di rinforzo e doverosa speranza.”


Per nutrire la speranza di alzare un poco le offerte sul mercato timido di oggi, mi sposto su questo inseguimento segnalando un soggetto autore di una bella prima parte di stagione ma soprattutto portatore di una linea che amo molto e che è sfumata di poco in occasione della sua interessante ultima uscita (Canelo batte il mio consigliato Snow Leopardess). A Wetherby quel giorno, con un peso d’alta scala, ha viaggiato a largo, saltando pulito e restando sempre molto bene in quota, sia nella curva finale sia durante le frazioni di arrivo. Il discarico del quale usufruirà (-6 libbre), unito alla splendida interpretazione (Brian Hughes) rendono doverosa la scelta, anche ben offerta.

Rinforzo del giorno: Windsor Avenue 8/1

3.15 Haydock Park - The New One Unibet Hurdle (Registered As The Champion Hurdle Trial Race) (Grade 2, 4yo+, 1m7½f)

“Ulteriore premio di consolazione vs Ballyandy.”

(Secondo rapporto del giorno con l’uscita n.1 di sologaloppo/National Hunt del 18 Gennaio 2020)


Nell’edizione dello scorso anno Ballyandy fu autore di uno stampo micidiale ai danni di Pentland Hills e del sottoscritto (prima uscita della sezione National Hunt del 18 Gennaio 2020 e selezione ‘nap’ da 5 punti a 7/4: dramma totale).

Quota simile - 9/4 - la si trova per sostenere l’autore di quel dramma, che vive sempre una prima parte di stagione molto intensa con ottima regolarità.


Mezzo punto in più e 6 libbre in più permettono di abbandonarlo con l'anima in pace, soprattutto dopo le entusiasmanti parole di Nicky Henderson, rimasto sbalordito dalla capacità di recupero di Buveur D'Air dopo rocambolesco imprevisto e conseguente infortunio causato da un pezzo di legno conficcatosi - in uscita dalla penultima siepe - sull’anteriore destro nell’edizione 2019 di Fighting Fifth Hurdle (prima tappa di Hurdle Triple Crown, stagione 2019/20). Sul momento non sembrò affar serio, soprattutto dopo aver assistito alla corsa che lo vide fare l’arrivo e rischiare di vincerla dopo esser partito da posizione non ideale già sulla curva finale.

Vincitore di Hurdle Triple Crown nella stagione 2017/’18 e di due edizioni di Champion Hurdle (2018, 2019), punterà a vincerne una terza e, per far ciò, dovrà ‘non correre’ questa corsa.

60% la sua offerta.

Corsa che prepara al Champion Hurdle, impegno col quale ha ’discreta’ confidenza e per il quale, al 16 gennaio, era offerto a 20/1: in discesa prima ancora del rientro, adesso lo si trova a 14/1. Champion Hurdle e/w?

3.35 Ascot - Matchbook Betting Exchange Clarence House Chase (Grade 1, 5yo+, 2m1f)

“Scelta tecnica o atto di fede?”


La corsa centrale del pomeriggio che mi porta a non vedere oltre i primi tre sul mercato.

Verso il Champion Chase:

11/8 Politologue

11/4 Waiting Patiently

9/2 Defi Du Seuil


Scelta sottile e raffinata soprattutto tra i primi due del mercato (gli unici con forma documentata) e nessun errore madornale in caso di scelta di uno qualsiasi. Conterà molto il carico di precedenti che ognuno possiede nei confronti di ciascuno dei tre, questo per me lo spirito della scelta. Per i seguenti motivi:


Politologue

Piacevolmente sostenuto nella sua ricomparsa stagionale a Sandow Park (ciò lo renderebbe la mia scelta vincolata), soprattutto dopo il ritiro di Altior che ritoccò molto poco al ribasso l’offerta, è un soggetto che ha fatte le migliori cose in condizioni di estrema freschezza. Su questo punto si è dibattuto ma Paul Nicholls sostiene che sia uscito molto bene da quella corsa, in condizioni straordinariamente splendide: ecco il motivo di impiegarlo in questa corsa, perfetta per tempismo, che lo indirizzerà al Cheltenham Festival, dove proverà a difendere il titolo di Champion Chaser. La mia nota dolente riguarda la monta: non sarà accompagnato da Harry Skelton, suo interprete in occasione del rientro.

Waiting Patiently

Estremamente sfortunato e delicato, ogni volta che è stato chiamato a svolgere la sua professione lo ha sempre fatto nel migliore dei modi. Autore di un meraviglioso rientro stagionale a Kempton Park in un’edizione sotto tono di King George VI Chase (corsa che prepara alla Cheltenham Gold Cup), ha tripla iscrizione al Cheltenham Festival su tutte e tre le distanze per top chaser: la scelta avverrà in base alle condizioni del terreno che incontrerà. Duttile, non di mole ma atletico e professionale, è stato oggetto di attenzioni sul mercato per tutta la settimana. Solido contro-favorito, è considerata importante alternativa al favorito. La mia nota dolente riguarda il metraggio, sul quale ha sempre mostrata classe e bella azione dando però l’impressione di iniziare a correre dopo l’ultima fence. Servirà una punta di velocità adeguata per venire a capo di questa corsa, impresa fattibile sul doppio miglio di Ascot. Nonostante non abbia mai vinto sulla distanza a questi livelli, l’edizione 2019 di Tingle Creek è, secondo me, la corsa che può valere la vittoria (emorragia quel giorno per Politologue). Notevole fiducia del cortile.


Defi Du Seuil

Dopo aver individuate due note dolenti, eccomi giunto alla nota drammatica della corsa.

La sua seconda ‘non prestazione’ consecutiva (al rientro, dopo Cheltenham Festival) mi ha profondamente deluso quando invece, nella scorsa stagione di questi tempi, in questa corsa, divorava la triade "penultima fence-Un De Sceaux-sottoscritto” in un solo salto, candidandosi con prepotenza al Champion Chase (assieme a Paisley Park rappresentò uno dei due grossi clamori della mia intera scuderia). Interrompere la corsa rialzando per ben due volte a causa della stanchezza mi lascia perplesso e mi pone nelle stesse condizioni in cui mi sono recentemente trovato con Lost-In-Translation. Passare dal salotto buono all’ingresso di casa non è mai un buon segnale da interpretare ed anche il mercato sembra andare in questa direzione, offrendo attualmente fino a 9/2 (offerta relativa ad un altro soggetto, distante dalla meravigliosa prestazione dello scorso anno).


(Con Defi Du Seuil a rischio ‘pulled up’, può diventare interessante ed esotica l’opzione each/way Duc Des Genevries 20/1, non male nel Desert Orchid Chase).


La scommessa: Politologue

L'atto di fede: Defi Du Seuil

52 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti